image
+39 035 0075083 info@fastplan.it
Sanilog: copertura gratuita Covid-19 prolungata per tutto il 2021

Sanilog: copertura gratuita Covid-19 prolungata per tutto il 2021

Con il prolungarsi dello stato di emergenza causato dal virus, Sanilog ha deciso di prolungare il pacchetto gratuito di prestazioni straordinarie legate alla pandemia Covid-19 per tutti i dipendenti delle imprese che applicano il contratto collettivo nazionale di lavoro Logistica, Trasporto Merci e Spedizione fino al 31 dicembre 2021.

UniSalute sarà la compagnia assicurativa incaricata per garantire le misure straordinarie, la stessa che per Sanilog eroga le prestazioni sanitarie e assistenziali generiche.

Il fondo di assistenza sanitaria integrativa ha precisato che “questa estensione di validità riflette l’impegno di Sanilog nell’offrire un valido supporto sanitario ed economico alle lavoratrici e ai lavoratori iscritti che, con il loro lavoro quotidiano, danno un contributo fondamentale al tessuto economico e produttivo del Paese”.

Cosa comprende l’indennità giornaliera del pacchetto Covid-19 di Sanilog?

Il pacchetto Covid-19 di Sanilog comprende l’indennità giornaliera per ricovero in caso di positività alla malattia, la diaria post-ricovero a seguito di terapia intensiva, la diaria da isolamento domiciliare, il test sierologico e, in caso, di positività i successivi tamponi fino all’avvenuta guarigione.

Bisogna sottolineare che l’impatto economico nel 2020 per le garanzie straordinarie Covid-19 è stato notevole, con un aumento esponenziale delle prestazioni negli ultimi mesi dell’anno e, sebbene il Fondo sia soddisfatto del concreto sostegno offerto ai lavoratori colpiti dal virus, si impongono necessariamente delle scelte per ottimizzare le risorse economiche che il Fondo può mettere a disposizione per il biennio 2020 -2021, pari a 1 milione e 800 mila euro.

Per fare richiesta e capire l’ammontare delle relative risorse economiche a disposizione, richiedete direttamente informazione al sito SANILOG.

Vi invitiamo a scaricare la Circolare Sanilog N.1/2021 con tutte le informazioni direttamente qui su questo link!

 

FastPlan Software si mantiene aggiornato sui temi relativi al settore Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni, contattaci per consulenza gratuita di come ottimizzare tutte le risorse a disposizione nella tua azienda e nella gestione quotidiana dei tuoi automezzi, trasporti e magazzino!

Scrivici!

Richiedi la tua DIMOSTRAZIONE GRATUITA COVID-19 per sfruttare tutte le sue funzionalità SENZA IMPEGNO!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

Gestione Autotrasporti durante la crisi

Gestione Autotrasporti durante la crisi

Non c’è dubbio alcuno che la gestione degli autotrasporti sia cambiata durante la crisi generata per l’emergenza sanitaria in corso durante tutto l’anno 2020. Come conseguenza, l’anno entrante 2021 sarà un anno pieno di sfide che richiederà dei forti aggiustamenti e aggiornamenti da parte di tutte le aziende italiane in generale.

Su questo articolo ci focalizzeremmo nelle aziende di autotrasporto, ma i consigli che stiamo per elencare, potrebbero applicarsi a qualsiasi tipologia di azienda di produzione oppure di servizi.

Le principali azioni da intraprendere nel settore autotrasporto e logistica nei momenti di difficoltà sono:

  1. Analisi Finanziaria
  2. Promozione Aziendale
  3. Strategia Commerciale
  4. Riorganizzazione
  5. Equilibrio

Analisi Finanziaria di un’azienda di autotrasporti

La verità della realtà attuale è che ci saranno sempre delle crisi e delle sfide da affrontare, indipendentemente del coronavirus o qualsiasi crisi sanitaria attuale o futura.

L’unica soluzione che c’è a disposizione è riuscire a adattarsi. Per farlo, la prima domanda che ci si deve fare come titolare di un’azienda di autotrasporti oppure di qualsiasi azienda che gestisca automezzi è:

Sappiamo la percentuale dei nostri costi fissi?

Costi autotrasporto: costi fissi e costi variabili

I costi fissi sono tutti quei costi che abbiamo indipendentemente dal nostro fatturato, come Personale, Affitti, Mutui, Luce, Riscaldamento, Commercialista, Consulente del lavoro, ecc. … Mentre i costi variabili sono quelli che variano in funzione dell’operato o fatturato. Più si lavora, più i costi variabili aumentano. I costi variabili nell’autotrasporto sono: il carburante, l’autostrada, la manutenzione, ecc.….

I primi numeri da tenere sotto controllo sono i costi variabili e i costi fissi, perché se cala il fatturato, si deve lavorare sui costi fissi. Per rimanere in piedi come autotrasportatori nei momenti di difficoltà, ci si può aiutare con la “cassa integrazione” per pagare il personale, come costi variabili, ci sarà una riduzione del carburante perché il fatturato calerà e così via dicendo. La chiave rimane in tenere sotto controllo tutti gli aspetti finanziari dell’azienda per riuscire a utilizzare al meglio le risorse a disposizione.

Un consiglio: Tieni d’occhio il fatturato mensile per riuscire a scalare da lì tutti i costi fissi e variabili e poi tiri via da lì anche una quota al mese di ammortamento.

Per il costo del personale devi calcolare il costo lordo più tutti i ratei (13° 14° Tfr ferie non godute). A quel punto riuscirai a capire quanto utile avrai prodotto nel mese.

Liquidità aziendale in un’azienda di trasporti

Altro dato fondamentale da tenere d’occhio tutti i mesi sarà la tua liquidità. Dobbiamo guardare tutti i mesi quanto denaro abbiamo speso e quanto ne abbiamo incassato. Questo dato, in questo periodo, è forse più importante del primo (quello relativo all’utile). Non che il dato dell’utile non sia importante anzi, ma la liquidità sarà quella che ti consentirà di rimanere in vita. Te puoi anche fare buoni utili ma se poi i clienti non ti pagano come farai a pagare tutti i tuoi costi operativi?

Se dopo avere fatto questi conti vedi che tutto sommato stai in piedi allora devi focalizzarti su come fare per non perdere troppo fatturato, quindi non fermarti e continua con la promozione della tua azienda.

Promozione Aziendale nell’autotrasporto

Tante aziende di autotrasporto appena vedono calare il fatturato, il primo taglio ai costi che fanno è sulla promozione aziendale. Niente di più sbagliato!

È proprio in momenti come questo che non devi fermarti perché questi non sono costi ma investimenti.

La prima domanda che ti devi fare quando fai marketing è questa: quante persone conoscono i nostri prodotti o servizi? Non è mai abbastanza…. E come fare allora?

Bisogna PROMUOVERE e RAFFORZARE IL MARCHIO la nostra attività attraverso più canali: social media, newsletters, video, Google Ads, ecc.… queste azioni ti serviranno per renderti visibile nel caso in cui qualcuno abbia bisogno dei tuoi servizi.

Tante volte ti ritroverai a spendere soldi in sponsorizzate e a volte sembrerà che non ti ritorni nulla, ma non devi mollare, devi persistere perché tutto ritornerà in visibilità e forza per il tuo marchio. Fatti seguire da una persona capace che sia in grado di forniti dati come:

  • Che giorni della settimana ti vedono di più e in quali orari
  • Quali sono i post più cliccati
  • Dove si trovano i tuoi utenti
  • Da quali dispositivi si collegano al tuo sito
  • Riesca a darti un riassunto con dei grafici sull’andamento della tua presenza online e delle tue campagne

Solo avendo sottomano tutti i dati, riuscirai a introdurre delle strategie che ti permetteranno di arrivare a raccogliere dei contatti diretti interessati al tuo prodotto o servizio grazie a una strategia commerciale efficace.

Strategia commerciale nell’autotrasporto

Dopo aver attuato un piano di promozione che ti permetterà avere visibilità su diversi fronti e raccogliere diverse informazioni utili, dovrai stabilire una strategia commerciale che ti permetta di raccogliere tutti i giorni dei contatti diretti.

Oltre a contattare i potenziali clienti potenziali che ti arriveranno grazie alle attività di promozione, dovrai elaborare un piano per suonare campanelli e fare degli appuntamenti telefonici. Questa è un’azione vincente.

Per fare 20 campanelli, ci vuole mezza giornata. Lo scopo principale dell’attività dei campanelli è quella di prendere il biglietto da visita dell’azienda e del responsabile che segue i trasporti. Una volta ottenuto il contatto diretto, si torna in azienda per mandare una lettera di presentazione con scritto:

“Buongiorno, oggi ho avuto il piacere di venire a visitare la vostra azienda. Io mi chiamo……. E mi occupo…… mi piacerebbe fissare un incontro conoscitivo al fine di presentarle nel dettaglio i nostri servizi………”

Questa azione è da fare tutti i giorni. 20 contatti al giorno corrispondono a 400 mese!

Quando si torna in azienda si trascriveranno tutti i contatti raccolti in un data base che si consegnerà al responsabile marketing. Questo data base ha un valore immenso, giacché si potranno inviare costantemente delle comunicazioni che ci permetteranno di stabilire un rapporto con il cliente potenziale.

Un’altra azione da fare è quella di scaricare delle liste aziendali da internet per telefonarle e provare a fissare un appuntamento. La finalità sarà quella di direttamente con il responsabile del trasporto e logistica o con il titolare aziendale per fissare un appuntamento. L’obbiettivo sarà quello di raggiungere 30 contatti al giorno.

Dedicando mezza giornata a fare campanelli o telefonate, potrai dedicare il resto della giornata a elaborare preventivi e fare degli appuntamenti. Con il tempo riuscirai a fare più appuntamenti e meno telefonate o visite a freddo. La perseveranza sarà fondamentale, non mollare la presa. Appena si riuscirà ad avere dei momenti liberi, si deve continuare a fare delle telefonate e a suonare dei campanelli.

Seguendo queste azioni, riuscirai a fare cento clienti nuovi all’anno. Comprovato statisticamente!

Con tanti clienti nuovi, dovrai riorganizzare il tuo modo di lavorare per ottimizzare le tue risorse ed efficientare i tuoi processi.

Riorganizzazione nella gestione di automezzi, trasporto e logistica

Grazie alle azioni fin qui descritte otterrai molto, ma grazie alla riorganizzazione riuscirai a fare la vera differenza per la tua azienda di trasporto.

Bisognerà guardare tutti i tuoi processi attuali, cercando l’aiuto di un consulente aziendale in materia che sia esterno all’azienda. Perché essendo all’esterno dell’azienda, riuscirà a vedere meglio le aree di opportunità. L’obbiettivo sarà di raggiungere più risultati con meno sforzo. Alleggerendo il carico di lavoro, ti consentirà di gestire più carico di lavoro con meno collaboratori. Come conseguenza aumenterai il tuo fatturato con meno spesa. Come risultato, aumenterai il tuo utile.

Diventerà fondamentale aiutarti con un gestionale di automezzi, trasporto e logistica che riesca ad organizzare al meglio il lavoro ottimizzando meglio i viaggi con un risparmio significativo, grazie all’ottenimento di dati aggiornati in tempo reale. Con un gestionale specializzato e di facile intuizione come FastPlan Software riuscirai ad ottenere maggiori guadagni.

Cercare l’equilibrio nel trasporto e logistica

Trovare l’equilibrio in azienda è una vera sfida per qualsiasi imprenditore. Si deve motivare e gestire al meglio il personale, perché senza l’avere una strategia di lavoro e senza la giusta guida, indipendentemente di tutte le azioni che si prenderanno, i soldi non basteranno mai!

La vera sfida è riuscire a trovare un equilibrio all’interno dell’azienda, tra le persone e le aree di lavoro. Quando si arriverà ad avere un equilibrio in azienda, si riuscirà a fare veramente dei buoni utili.

Autotrasporto: Come aumentare il fatturato e gli utili?

L’unica frase e consiglio che aiuta a qualsiasi azienda ad aumentare il fatturato e generare degli utili, sia questa un’azienda di autotrasporto oppure di produzione o servizi vari è:

“Trasforma la tua paura in opportunità”

La crisi del 2009 ci ha fatto capire che il mondo è cambiato per sempre e che bisognava spingere di più per portare a casa dei risultati a livello commerciale, adesso con quest’emergenza sanitaria del Covid-19, tante aziende di autotrasporto si sono viste nella necessità di riorganizzare il loro lavoro e ripensare ai loro processi. Si entra in un’era più digitale, in cui il fatto di avere dei risultati corretti, chiari e aggiornati in tempo reale diventa la chiave per prendere decisioni che saranno di fondamentale importanza per il futuro della tua azienda.

FastPlan Software è il gestionale semplice, pratico e intuitivo che aiuta alle aziende di autotrasporto a ottimizzare le loro risorse con dati chiari e aggiornati, permettendo in questa maniera di ottenere grandi risparmi e generare di conseguenza più utilità.

Contattaci e ricevi una consulenza gratuita, accompagnata da una demo, dal gestionale fatto dai trasportatori per i trasportatori!

Scrivici!

Comincia a gestire la tua azienda di autotrasporti al meglio durante la crisi!

Scrivici!

Richiedi la tua dimostrazione gratuita. Lascia il tuo messaggio!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

Autotrasporto Euro 7: riduzione emissioni di CO2 in Europa

Autotrasporto Euro 7: riduzione emissioni di CO2 in Europa

Per il settore dell’autotrasporto sarà introdotto lo standard Euro 7 con lo scopo principale di creare una riduzione di emissioni di CO2 in Europa.

Ancora non è stata stabilita una data di entrata in vigore, ma si stima che il regolamento di introduzione della categoria Euro 7 possa essere approvato entro il 2021.

Con questi aggiornamenti ai limiti delle emissioni si pretende garantire che siano rispettati per l’intera vita del veicolo. Bruxelles ha segnalato che i regolamenti Euro 6 sono insufficienti per raggiungere gli obiettivi fissati dal Green Deal per il 2050.

Sono state avviate delle consultazioni pubbliche dalla Commissione Europea aperte alla partecipazione di tutti i portatori di interesse, dalle autorità nazionali e locali, alle aziende dell’industria automobilistica, fino alle associazioni dei consumatori e ai privati cittadini. Tali consultazioni si concluderanno il prossimo 20 novembre.

Nuovi obiettivi per ridurre le emissioni

Non ci saranno più norme e scadenze diverse pe i veicoli leggeri (come auto e furgoni) e veicoli pesanti (come camion e autobus), questo aiuterà a ridurre costi e incentiverà lo sviluppo di tecnologie a lungo termine.

Si punterà principalmente a un protocollo unitario e uniforme per tutti gli stati per evitare possibili problematiche di omologazione da un territorio all’altro e si cercherà di attuare una misurazione delle emissioni costante e continua direttamente su strada per tenere sotto controllo i valori delle sostanze nocive durante tutta la vita utile del veicolo nel reale utilizzo su strada e non semplicemente al momento del lancio sul mercato. Tutto questo sarà un’evoluzione dell’attuale metodo RDE (Real Driving Emissions).

Nuove tecnologie e costruttori automotive

Attualmente ci sono nuove tecnologie e costruttori automotive in grado di raggiungere livelli di emissioni praticamente prossime allo zero con valori riscontrabili sulle più moderne vetture diesel, benzina, metano e ibride che rispettano la più severa normativa Euro 6d.

Questi risultati sono stati ottenuti grazie a interventi precisi sui motori e sui sistemi di scarico con filtri antiparticolato più potenti, doppi catalizzatori SCR a riduzione catalitica selettiva con doppia iniezione di AdBlue (Urea), doppi sistemi EGR di alta e bassa pressione con più raffreddamento grazie a una migliore gestione e controllo dell’aria aspirata in ingresso e più controllo nell’iniezione del carburante per un ottimale processo di combustione all’interno del cilindro.

Per raggiungere i nuovi e più severi standard richiesti dall’Euro 7, i futuri motori dovranno essere ancora più performanti con sistemi di filtraggio più efficienti installati a ridosso dello stesso motore per poter sfruttare le maggiori temperature del gas di scarico che permetteranno di ridurre le sostanze nocive e il rilasciamento della anidride carbonica (CO2) direttamente collegata al consumo di carburante.

Abbandono della teoria Downsizing

Sempre più forte sarà l’abbandono della teoria Downsizing per il ritorno a cilindrate di maggiori dimensioni con motori sempre più frazionati con passaggi degli attuali 3 e 4 cilindri ai prossimi 6 e 8 cilindri. Questa scelta permetterà recuperare divari prestazionali in termini di potenza.

In conclusione, con l’Euro 7 i sistemi del trattamento dei gas saranno più complessi per rispondere a tecniche legate alla misurazione tra cicli di test e RDE, così come le emissioni registrate a freddo. Con tutto questo stiamo assistendo a una ulteriore evoluzione della filosofia del pensiero motoristico: si passerà dal downsizing all’ibrido per ritornare al rightsizing. La tendenza è un aumento nelle cilindrate.

Come conseguenza, non si potranno rispettare le nuove normative sulle emissioni senza consumare maggiore benzina. Un controsenso alle normative sempre più stringenti, ma purtroppo a livello tecnico questo accadrà.

 

Per gestire al meglio la tua flotta di automezzi e i tuoi giri, ottimizzando i consumi e rispettando l’ambiente, contattaci per una consulenza e dimostrazione gratuita senza impegno! 

Scrivici!

Richiedi la tua dimostrazione gratuita. Lascia il tuo messaggio!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

L’internet delle cose (IoT) nel trasporto e logistica

L’internet delle cose (IoT) nel trasporto e logistica

L’anno 2020 è senz’ombra di dubbio un anno interessante e particolare sia per lo sviluppo dell’Internet delle cose (IoT) che per il settore del Trasporto e Logistica.

Non si possono negare i grandi cambiamenti che stanno succedendo al momento a livello tecnologico. Come lo sviluppo del 5G e le diverse innovazioni nel campo della robotica, che oltre all’emergenza sanitaria in notevole impatto su entrambi i settori e delle sfide a livello sociale ed economico.

In questo articolo ci concentreremmo a parlare su l’Internet delle cose (IoT) nel settore del trasporto e logistica in specifico, rispondendo alle seguenti domande:

Per rispondere a queste domande, cominciamo a spiegare ogni concetto per riuscire a trarre le nostre conclusioni.

Cos’è l’Internet delle Cose (IoT)?

Non è facile spiegare questo concetto in poche linee, ma almeno cominceremmo a spiegare il suo significato.

L’acronimo di IoT in lingua inglese sarebbe “Internet of Things” che viene tradotto in italiano come “Internet delle cose”. Ma se guardiamo bene l’origine della parola e riusciamo a darli un significato più spiegativo, il vero termine sarebbe “L’Internet degli oggetti”.

Le sue fondamenta si trovano negli “oggetti intelligenti” (smart object) e consiste in portare tutti gli oggetti della nostra quotidianità nel mondo digitale. Non solo si riferisce a PC, Tablet, Smartphone, ecc. Qui si parla di portare la nostra intera realtà come casa, lavoro, città e persone, nel mondo digitale per creare connessioni che permettano di far interagire ciascuno degli “oggetti” o parti di una maniera più efficiente e organizzata con un controllo e monitoraggio totale.

L’Internet of Things è un paradigma tecnologico senza confini che inciderà sulla competitività delle imprese, l’efficienza della pubblica amministrazione e la qualità della nostra vita.

Come può essere applicato l’Internet delle Cose (IoT) nel trasporto e logistica?

Attualmente l’Internet of Things non conosce confini applicativi, perché ciascun oggetto può diventare “intelligente” e “connesso” al tutto per rendere efficiente al massimo ogni funzione, scambiando informazioni in tempo reale e di maniera continua su tutto l’ambiente, su qualsiasi processo e circostanza per trarre il massimo beneficio.

Per spiegare al meglio in un contesto di autotrasporti e logistica, si può dare il semplice esempio dell’automezzo di trasporto che parla con l’infrastruttura autostradale per prevenire incidenti oppure per ottimizzare viaggi ed evitare code e traffico con i suoi eventuali sprechi di carburanti.

Questa nuova tecnologia che è già presente in alcune città, ancora si trova in sviluppo ed è una grande rivoluzione (e continuerà ad esserlo), una grande rivoluzione per tutto il nostro sistema di vita.

L’Internet delle cose (IoT) è il futuro del settore trasporti

Si parla che per il settore del Trasporto la tendenza a utilizzare l’Internet delle cose sarà più forte che mai nel breve periodo. Con l’emergenza sanitaria del COVID-19 si è dimostrato come il settore tecnologico e il settore dell’autotrasporto siano dei settori più complementari e indispensabili per la società.

Semplicemente se prendiamo di esempio la catena di distribuzione si osserva che digitalizzando la maggior parte del processo, possiamo avere una migliore compressione di tutte le fasi del processo per renderla più agile ed efficace. In specifico, per il trasporto su gomma, si è dimostrato il come possiamo prendere migliore decisioni sul percorso e carico, sfruttando al massimo le piene capacità di un camion come:

  • Stabilire i migliori percorsi di viaggi che ci permetteranno di risparmiare tempo e benzina.
  • Capire al pieno la capacità di un camion, per poter sfruttare al massimo la flessibilità e offrire un servizio di Groupage che soddisfi i bisogni dei clienti.
  • Gestire al meglio l’offerta e domanda per calcolare e stabilire al meglio un sistema per la gestione dei preventivi e ordini.
  • Avere in tempo reale dati aggiornati su ciascuno dei mezzi e autisti a disposizione.
  • Ricevere e inviare in tempo reale documentazione e informazioni rilevanti.

E tante altre funzionalità che questo tipo di tecnologia mette a disposizione del settore del trasporto e logistica.

FastPlan sfrutta le potenzialità dell’Internet delle cose (IoT) nel Trasporto e Logistica e saremmo lieti in spiegarti al meglio cosa può fare questo software gestionale specializzato per la tua impresa di autotrasporti o per la gestione della tua flotta di automezzi… Richiedi la tua CONSULENZA GRATUITA SENZA IMPEGNO!

Scrivici!

Richiedi la tua dimostrazione gratuita sull’Internet delle cose (IoT) nel settore Trasporto e Logistica. Lascia il tuo messaggio!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

DL Agosto: Misure per Strada e Trasporto su Gomma

DL Agosto: Misure per Strada e Trasporto su Gomma

Finalmente è stato approvato il decreto legislativo di agosto detto anche DL agosto dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti.In questo articolo ci focalizzeremmo sulle misure che riguardano la strada e il trasporto su gomma.

Fra le più importanti delle misure proposte e inserite nel decreto del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per il trasporto su gomma, ci sono i 5 milioni di euro per la deduzione di spese non documentate come misura di riduzione del reddito imponibile in favore dell’autotrasporto. Mentre per la Strada, ci saranno a disposizione 200 milioni per la messa in sicurezza di ponti e viadotti esistenti così come per le realizzazioni di nuovi ponti.

Fra le altre misure segnalate per il trasporto su strada ci saranno a disposizione:

  • 400 milioni per il trasporto pubblico locale;
  • 30 milioni di euro di misure compensative per i minori ricavi in favore delle aziende di trasporto passeggeri con autobus non soggetti a obblighi di servizio pubblico;
  • 35 milioni di euro per l’erogazione di bonus taxi e NCC utilizzabili per i trasferimenti cittadini dalle categorie sociali svantaggiate con un ampliamento della platea dei fruitori a coloro che versano in stato di difficoltà;
  • 67 milioni di euro per il rinnovo degli autobus utilizzati per i servizi turistici nonché per il rimborso delle rate e dei canoni di leasing relativi all’acquisto di autobus effettuati tra gennaio 2018 e febbraio 2020

Ci sono altre misure del MIT a disposizione per le seguenti categorie:

  • Porti e crociere;
  • Nautica e concessioni demaniali;
  • Trasporto Aereo;
  • Gestione delle acque di Venezia;

Che potete consultare direttamente e accedere alle agevolazioni direttamente sul link: DL agosto: Le misure del MIT

Per maggiori informazioni su come effettuare la gestione di automezzi, trasporto e logistica per tutti gli autotrasportatori specializzati nel trasporto su gomma;  contattateci gratuitamente per richiedere una consulenza gratuita su come risparmiare e generare più redditività con la Vostra attività!

Compila il form per richiedere una consulenza e una dimostrazione gratuita di FastPlan Software!

Scrivici!

Contattaci per una consulenza gratuita e richiedi la tua dimostrazione gratuita!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

Iscriviti alla NEWSLETTER e ricevi i migliori consigli di Trasporto e Logistica!

*Registrandomi dichiaro di aver letto l'informativa relativa alla Privacy Policy e di prestare il mio consenso per ricevere informazioni promozionali e commerciali (c.d. finalità Marketing Diretto)

 

Grazie di esserti iscritto! Sarà la nostra responsabilità che tu ne rimanga soddisfatto!

Condividi!

Può essere veramente utile per qualcuno!