image
+39 035 0075083 info@fastplan.it
Gazzetta UE: Pubblicato regolamento proroghe CQC, patenti e revisioni

Gazzetta UE: Pubblicato regolamento proroghe CQC, patenti e revisioni

Lo scorso 23 febbraio è stato pubblicato nella Gazzetta UE il nuovo regolamento comunitario con le proroghe dei termini di validità di CQC, patenti e revisioni legate al settore Autotrasporto.

Visto il protrarsi dell’emergenza sanitaria in corso e alle difficoltà che si presentano nello svolgimento delle pratiche amministrative del Regolamento UE 2020/698 dello scorso maggio, la Gazzetta Ufficiale ha pubblicato il regolamento che sarà applicato il 6 marzo del 2021.

Tale regolamento sarà applicato al trasporto stradale e agirà sulla formazione, sulle patenti guida, sulle revisioni dei veicoli, sulla revisione dei tachigrafi, sulle licenze comunitarie e copie conformi, così come sulle carte e attestati dei conducenti.

Anche è stato stabilito e chiarito dal regolamento che l’idoneità̀ finanziaria e requisito dello stabilimento, da dimostrare tra il 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021, si possono dimostrare entro il termine fissato dall’autorità̀ competente, comunque e  non oltre i 12 mesi.

Formazione periodica settore trasporto stradale

Ci sarà una proroga di mesi per il completamento della formazione periodica in scadenza fra il 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021.

Di conseguenza, la proroga applica al codice 95 riportato sulla patente guida, sul CQC e sulla carta di qualificazione del conducente con una scadenza che va dal 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021 (in base alla proroga stabilita dal regolamento 2020/698) è estesa di altri 6 mesi o fino al 1° luglio 2021.
Le CQC in scadenza tra il 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021 sono prorogate di 10 mesi dalla data di scadenza indicata su ciascuna di tali carte.

Patenti di guida del conducente

Tutte le patenti guida dei conducenti con scadenza tra il 1°settembre 2020 e il 30 giugno 2021 sono prorogate di 10 mesi dalla data di scadenza indicata. Per le licenze la cui proroga stabilita dal precedente regolamento (2020/698) con scadenza tra il 1°settembre 2020 e il 30 giugno 2021, ci sarà un’ulteriore estensione di 6 mesi, con la specifica di non andare oltre al 1° luglio 2021.

Revisione autoveicoli e certificati di revisione

Per quanto riguarda le revisioni degli autoveicoli e i certificati di revisione veicolari che abbiano dei controlli tecnici da effettuarsi tra il 1°settembre 2020 e il 30 giugno 2021 vale la stessa proroga di 10 mesi.

Revisione Periodica dei Tachigrafi

Ci sarà lo stesso rinvio di 10 mesi per la revisione periodica dei tachigrafi che dovranno effettuarsi tra il 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021.

Licenze comunitarie, copie conformi e attestati del conducente

Tutte le licenze comunitarie, copie conformi e attestati del conducente con scadenza tra il 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021 rimarranno valide per altri 10 mesi.

Rinnovo e sostituzione della carta del conducente

Per la richiesta del rinnovo della carta del conducente presentata tra il 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021, specifica che dovrà essere evasa entro 2 mesi dalla richiesta. Fino a quando il conducente non riceverà la nuova carta saranno ammesse registrazioni manuali. In quanto alla sostituzione della carta del conducente, a condizione di presentare una prova che attesti che la carta è stata restituita e che è stata richiesta la sostituzione.

Per ulteriori informazioni, FAI CLICK SU QUESTO LINK!

Per ottimizzare e organizzare al meglio la gestione dei tuoi autoveicoli, contattaci per una CONSULENZA GRATUITA!

Scrivici!

Richiedi la tua Consulenza gratuita nel settore Autotrasporto!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

Risparmiare nel trasporto e logistica con l’analisi della spesa

Risparmiare nel trasporto e logistica con l’analisi della spesa

Come autotrasportatori come possiamo risparmiare nella gestione del trasporto e logistica?

La prima cosa che dobbiamo sapere per riuscire a risparmiare nella gestione dei nostri automezzi, trasporto, logistica e magazzino è riuscire a individuare quanto spendiamo alla fine di ogni mese.

Purtroppo per tante PMI Italiane avere informazioni sulla spesa alla fine del mese sembra una cosa impossibile. Questo perché spesso questa informazione non viene gestita correttamente, tante persone ci mettono mano e i dati non sono corretti e tantomeno aggiornati.

Senza avere un ordine nella raccolta dei dati della gestione della spesa e costi nell’autotrasporto e logistica, riuscire a ottimizzare le risorse e risparmiare nella gestione può diventare una sfida impossibile.

Per questo motivo proponiamo una serie di consigli per fare una corretta analisi della Spesa e aiutare al responsabile acquisti nel settore del trasporto e logistica.

Analisi della spesa per ottimizzare la gestione del trasporto e logistica

Se vogliamo sapere quanto possiamo risparmiare, dobbiamo essere in grado di individuare e sapere quanto e come spendiamo. Questo lo possiamo sapere con un’analisi della spesa approfondito e mirato a ottimizzare la gestione del trasporto e logistica.

La metodologia consiste in eseguire una serie di passi che ci aiuteranno ad avere un controllo sui dati di spesa e costi nella gestione degli automezzi e magazzino:

  1. Identificare tutte le fonti disponibili in azienda per raccogliere i dati di spesa e costi;
  2. Raccogliere tutti i dati di spesa e costi in un database centrale con programmi progettati specificamente per la gestione degli automezzi, trasporto e logistica;
  3. Ordinare e correggere i dati per ottenere una facile visualizzazione;
  4. Raggruppare i fornitori in gruppi;
  5. Classificare per categorie di costi e spese;
  6. Analizzare i dati per eventualmente ottimizzare le risorse;
  7. Effettuare un’analisi continuo.

Identificare tutte le fonti di spesa e costi

Bisogna identificare tutte le fonti di spesa e costi che la gestione del trasporto e logistica richiede in azienda, investigando in tutti i dipartimenti e parlando con tutti i responsabili per riuscire a raccogliere l’informazione necessaria.

Raccogliere tutte le spese e costi in un database

Una volta che abbiamo tutta l’informazione e abbiamo raccolto i dati, il prossimo passo sarà inserire tutta questa informazione in un database centrale. Si possono utilizzare dei fogli excel oppure ci sono dei programmi che possono aiutarci a farlo. Questo perché bisognerà stare attenti che i dati non siano inseriti in diverse lingue, diverse valute e diversi formati. Un forte aiuto sarebbe rivolgersi a gestionali specializzati nella gestione degli automezzi, trasporto, logistica e magazzino.

Ordinare e correggere dati di spesa e costi per una corretta visualizzazione

Il seguente step sarà quello di ordinare, “pulire” e correggere i dati per avere una corretta visualizzazione di questi. Questo è fondamentale per avere sottomano tutti i dati che servono e riuscire ad avere una visualizzazione di facile comprensione con delle grafiche.

Raggruppare i fornitori in gruppi

Bisognerà stare attenti e raggruppare tutte le sedi di un fornitore, a modo che riusciamo ad avere un quadro chiaro e di facile comprensione su tutti i costi e fornitori in una maniera semplice e aggiornata.

Classificare per categorie di costi e spese

Per riuscire a determinare come viene speso il nostro denaro, bisogna effettuare una classificazione dettagliata di tutte le spese di gestione e raggrupparle. Serve classificare in modo corretto e aggiornato, evitando la voce “altro”. Solo con la giusta classificazione riusciremmo ad analizzare i dati e individuare piani e strategie che ci permettano di ottimizzare e risparmiare nella gestione delle nostre attività quotidiane.

Analizzare i dati per ottimizzare le risorse a disposizione

Con un controllo dell’informazione, saremo in grado si effettuare delle analisi approfondite sui costi e fornitori vari. In questa maniera potremmo individuare quali sono fondamentali per le nostre attività e su quali possiamo fare a meno, così come rivedere condizioni di contratto coi diversi fornitori.

Con tutte queste azioni, saremmo in grado di ridurre e ottimizzare spese e costi in una maniera sostanziale.

Effettuare un’analisi continuo

Avere un’analisi dei costi e della spesa nella gestione degli automezzi, trasporto e logistica è già un’ottima cosa, ma siamo in un mondo in continuo movimento. Per questo motivo, consigliamo di effettuare questo tipo di analisi in continuazione e di confrontarsi con il personale avendo sempre a disposizione dati precisi e aggiornati in tempo reale.

 

Fastplan Software è il gestionale fatto dai trasportatori per i trasportatori che ti può aiutare a organizzarti meglio grazie all’identificazione, raccolta e classificazione dei dati in grafiche e formati di facile comprensione con dati precisi e aggiornati in tempo reale.

Per maggiori informazioni, contattaci e richiedi la tua dimostrazione gratuita!

Scrivici!

Risparmia nella gestione del trasporto e logistica!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

Sanilog: copertura gratuita Covid-19 prolungata per tutto il 2021

Sanilog: copertura gratuita Covid-19 prolungata per tutto il 2021

Con il prolungarsi dello stato di emergenza causato dal virus, Sanilog ha deciso di prolungare il pacchetto gratuito di prestazioni straordinarie legate alla pandemia Covid-19 per tutti i dipendenti delle imprese che applicano il contratto collettivo nazionale di lavoro Logistica, Trasporto Merci e Spedizione fino al 31 dicembre 2021.

UniSalute sarà la compagnia assicurativa incaricata per garantire le misure straordinarie, la stessa che per Sanilog eroga le prestazioni sanitarie e assistenziali generiche.

Il fondo di assistenza sanitaria integrativa ha precisato che “questa estensione di validità riflette l’impegno di Sanilog nell’offrire un valido supporto sanitario ed economico alle lavoratrici e ai lavoratori iscritti che, con il loro lavoro quotidiano, danno un contributo fondamentale al tessuto economico e produttivo del Paese”.

Cosa comprende l’indennità giornaliera del pacchetto Covid-19 di Sanilog?

Il pacchetto Covid-19 di Sanilog comprende l’indennità giornaliera per ricovero in caso di positività alla malattia, la diaria post-ricovero a seguito di terapia intensiva, la diaria da isolamento domiciliare, il test sierologico e, in caso, di positività i successivi tamponi fino all’avvenuta guarigione.

Bisogna sottolineare che l’impatto economico nel 2020 per le garanzie straordinarie Covid-19 è stato notevole, con un aumento esponenziale delle prestazioni negli ultimi mesi dell’anno e, sebbene il Fondo sia soddisfatto del concreto sostegno offerto ai lavoratori colpiti dal virus, si impongono necessariamente delle scelte per ottimizzare le risorse economiche che il Fondo può mettere a disposizione per il biennio 2020 -2021, pari a 1 milione e 800 mila euro.

Per fare richiesta e capire l’ammontare delle relative risorse economiche a disposizione, richiedete direttamente informazione al sito SANILOG.

Vi invitiamo a scaricare la Circolare Sanilog N.1/2021 con tutte le informazioni direttamente qui su questo link!

 

FastPlan Software si mantiene aggiornato sui temi relativi al settore Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni, contattaci per consulenza gratuita di come ottimizzare tutte le risorse a disposizione nella tua azienda e nella gestione quotidiana dei tuoi automezzi, trasporti e magazzino!

Scrivici!

Richiedi la tua DIMOSTRAZIONE GRATUITA COVID-19 per sfruttare tutte le sue funzionalità SENZA IMPEGNO!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

Incentivi Autotrasporto: 5 Milioni di euro per la formazione professionale

Incentivi Autotrasporto: 5 Milioni di euro per la formazione professionale

Lo scorso 7 gennaio del 2021 la Ministra delle Infrastrutture e Trasporti, la Signora Paola di Micheli ha firmato il decreto per destinare 5 Milioni di euro per la formazione professionale come incentivi per il settore dell’autotrasporto.

La Ministra De Michele ha segnalato che sono risorse molto importanti, giacché promuovere una formazione professionale continua e qualificata significa investire sulle persone che sono il principale patrimonio delle aziende. Aggiornare e valorizzare il capitale umano diventa strategico per un settore che ha un ruolo fondamentale nell’economia e nella tenuta del sistema paese.

Come usufruire dei fondi per il settore autotrasporto

I fondi destinati al settore autotrasporto dovranno essere utilizzati per formazione o aggiornamento professionale degli operatori con la finalità di acquisire competenze adeguate alla gestione d’impresa, nuove tecnologie, sviluppo della competitività e sicurezza stradale e sul lavoro.

Bisogna chiarire che da questi incentivi, sono esclusi i corsi di formazione che hanno la finalità di accedere alla professione, così come i rinnovi di titoli richiesti in maniera obbligatoria per esercitare la professione di autotrasportatore.

Come devono essere erogati i corsi oggetti di finanziamento

L’attività formativa deve essere avviata a partire dal 19 aprile 2021 e concludersi entro il 6 agosto 2021 e considerando l’attuale stato di emergenza sanitaria, la formazione a distanza costituisce la modalità di svolgimento preferenziale.

I corsi oggetto di finanziamento devono essere realizzati attraverso piani formativi aziendali, oppure interaziendali, territoriali o strutturati per filiere.

Destinatari incentivi autotrasporto

I soggetti destinatari che possono usufruire di questi incentivi destinati al settore autotrasporto sono tutte le aziende di autotrasporto per conto terzi, i cui titolari, soci, amministratori, nonché dipendenti o addetti siano inquadrati nel contratto collettivo nazionale logistica, trasporto e spedizioni.

Quando presentare le domande per usufruire dei contributi

Le domande per accedere ai contributi devono essere presentate a partire dal 15 febbraio 2021 ed entro il termine perentorio del 19 marzo 2021, seguendo le specifiche modalità che saranno pubblicate, a partire dal 1° febbraio 2021, sul sito della Società R.A.M. S.p.a., e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Quali sono i contributi massimi erogabili per le attività di formazione per il settore autotrasporto

Il contributo massimo erogabile per l’attività formativa è fissato secondo differenti soglie che variano dai 15mila euro per le microimprese (con meno di 10 occupati) ai 200mila per le grandi imprese (con 250 o più occupati), mentre i raggruppamenti di imprese possono ottenere un contributo massimo di 800mila euro. Le spese complessive inerenti all’attività didattica dovranno essere pari o superiori al 50 per cento di tutti i costi ammissibili.

Per maggiori informazioni su come usufruire al meglio di questi contributi, richiedi la consulenza di FastPlan Software per accedere in maniera semplice ai finanziamenti e avere un piano efficace che possa includere sia formazione che sistemi tecnologici adatti a far diventare più profittevole e competitiva la tua attività di trasporto e logistica.

Scrivici!

Ti forniamo una Consulenza Gratuita per usufruire degli incentivi!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

Autotrasporto Euro 7: riduzione emissioni di CO2 in Europa

Autotrasporto Euro 7: riduzione emissioni di CO2 in Europa

Per il settore dell’autotrasporto sarà introdotto lo standard Euro 7 con lo scopo principale di creare una riduzione di emissioni di CO2 in Europa.

Ancora non è stata stabilita una data di entrata in vigore, ma si stima che il regolamento di introduzione della categoria Euro 7 possa essere approvato entro il 2021.

Con questi aggiornamenti ai limiti delle emissioni si pretende garantire che siano rispettati per l’intera vita del veicolo. Bruxelles ha segnalato che i regolamenti Euro 6 sono insufficienti per raggiungere gli obiettivi fissati dal Green Deal per il 2050.

Sono state avviate delle consultazioni pubbliche dalla Commissione Europea aperte alla partecipazione di tutti i portatori di interesse, dalle autorità nazionali e locali, alle aziende dell’industria automobilistica, fino alle associazioni dei consumatori e ai privati cittadini. Tali consultazioni si concluderanno il prossimo 20 novembre.

Nuovi obiettivi per ridurre le emissioni

Non ci saranno più norme e scadenze diverse pe i veicoli leggeri (come auto e furgoni) e veicoli pesanti (come camion e autobus), questo aiuterà a ridurre costi e incentiverà lo sviluppo di tecnologie a lungo termine.

Si punterà principalmente a un protocollo unitario e uniforme per tutti gli stati per evitare possibili problematiche di omologazione da un territorio all’altro e si cercherà di attuare una misurazione delle emissioni costante e continua direttamente su strada per tenere sotto controllo i valori delle sostanze nocive durante tutta la vita utile del veicolo nel reale utilizzo su strada e non semplicemente al momento del lancio sul mercato. Tutto questo sarà un’evoluzione dell’attuale metodo RDE (Real Driving Emissions).

Nuove tecnologie e costruttori automotive

Attualmente ci sono nuove tecnologie e costruttori automotive in grado di raggiungere livelli di emissioni praticamente prossime allo zero con valori riscontrabili sulle più moderne vetture diesel, benzina, metano e ibride che rispettano la più severa normativa Euro 6d.

Questi risultati sono stati ottenuti grazie a interventi precisi sui motori e sui sistemi di scarico con filtri antiparticolato più potenti, doppi catalizzatori SCR a riduzione catalitica selettiva con doppia iniezione di AdBlue (Urea), doppi sistemi EGR di alta e bassa pressione con più raffreddamento grazie a una migliore gestione e controllo dell’aria aspirata in ingresso e più controllo nell’iniezione del carburante per un ottimale processo di combustione all’interno del cilindro.

Per raggiungere i nuovi e più severi standard richiesti dall’Euro 7, i futuri motori dovranno essere ancora più performanti con sistemi di filtraggio più efficienti installati a ridosso dello stesso motore per poter sfruttare le maggiori temperature del gas di scarico che permetteranno di ridurre le sostanze nocive e il rilasciamento della anidride carbonica (CO2) direttamente collegata al consumo di carburante.

Abbandono della teoria Downsizing

Sempre più forte sarà l’abbandono della teoria Downsizing per il ritorno a cilindrate di maggiori dimensioni con motori sempre più frazionati con passaggi degli attuali 3 e 4 cilindri ai prossimi 6 e 8 cilindri. Questa scelta permetterà recuperare divari prestazionali in termini di potenza.

In conclusione, con l’Euro 7 i sistemi del trattamento dei gas saranno più complessi per rispondere a tecniche legate alla misurazione tra cicli di test e RDE, così come le emissioni registrate a freddo. Con tutto questo stiamo assistendo a una ulteriore evoluzione della filosofia del pensiero motoristico: si passerà dal downsizing all’ibrido per ritornare al rightsizing. La tendenza è un aumento nelle cilindrate.

Come conseguenza, non si potranno rispettare le nuove normative sulle emissioni senza consumare maggiore benzina. Un controsenso alle normative sempre più stringenti, ma purtroppo a livello tecnico questo accadrà.

 

Per gestire al meglio la tua flotta di automezzi e i tuoi giri, ottimizzando i consumi e rispettando l’ambiente, contattaci per una consulenza e dimostrazione gratuita senza impegno! 

Scrivici!

Richiedi la tua dimostrazione gratuita. Lascia il tuo messaggio!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

Iscriviti alla NEWSLETTER e ricevi i migliori consigli di Trasporto e Logistica!

*Registrandomi dichiaro di aver letto l'informativa relativa alla Privacy Policy e di prestare il mio consenso per ricevere informazioni promozionali e commerciali (c.d. finalità Marketing Diretto)

 

Grazie di esserti iscritto! Sarà la nostra responsabilità che tu ne rimanga soddisfatto!

Condividi!

Può essere veramente utile per qualcuno!