image
+39 035 0075083 info@fastplan.it
Autotrasporto Euro 7: riduzione emissioni di CO2 in Europa

Autotrasporto Euro 7: riduzione emissioni di CO2 in Europa

Per il settore dell’autotrasporto sarà introdotto lo standard Euro 7 con lo scopo principale di creare una riduzione di emissioni di CO2 in Europa.

Ancora non è stata stabilita una data di entrata in vigore, ma si stima che il regolamento di introduzione della categoria Euro 7 possa essere approvato entro il 2021.

Con questi aggiornamenti ai limiti delle emissioni si pretende garantire che siano rispettati per l’intera vita del veicolo. Bruxelles ha segnalato che i regolamenti Euro 6 sono insufficienti per raggiungere gli obiettivi fissati dal Green Deal per il 2050.

Sono state avviate delle consultazioni pubbliche dalla Commissione Europea aperte alla partecipazione di tutti i portatori di interesse, dalle autorità nazionali e locali, alle aziende dell’industria automobilistica, fino alle associazioni dei consumatori e ai privati cittadini. Tali consultazioni si concluderanno il prossimo 20 novembre.

Nuovi obiettivi per ridurre le emissioni

Non ci saranno più norme e scadenze diverse pe i veicoli leggeri (come auto e furgoni) e veicoli pesanti (come camion e autobus), questo aiuterà a ridurre costi e incentiverà lo sviluppo di tecnologie a lungo termine.

Si punterà principalmente a un protocollo unitario e uniforme per tutti gli stati per evitare possibili problematiche di omologazione da un territorio all’altro e si cercherà di attuare una misurazione delle emissioni costante e continua direttamente su strada per tenere sotto controllo i valori delle sostanze nocive durante tutta la vita utile del veicolo nel reale utilizzo su strada e non semplicemente al momento del lancio sul mercato. Tutto questo sarà un’evoluzione dell’attuale metodo RDE (Real Driving Emissions).

Nuove tecnologie e costruttori automotive

Attualmente ci sono nuove tecnologie e costruttori automotive in grado di raggiungere livelli di emissioni praticamente prossime allo zero con valori riscontrabili sulle più moderne vetture diesel, benzina, metano e ibride che rispettano la più severa normativa Euro 6d.

Questi risultati sono stati ottenuti grazie a interventi precisi sui motori e sui sistemi di scarico con filtri antiparticolato più potenti, doppi catalizzatori SCR a riduzione catalitica selettiva con doppia iniezione di AdBlue (Urea), doppi sistemi EGR di alta e bassa pressione con più raffreddamento grazie a una migliore gestione e controllo dell’aria aspirata in ingresso e più controllo nell’iniezione del carburante per un ottimale processo di combustione all’interno del cilindro.

Per raggiungere i nuovi e più severi standard richiesti dall’Euro 7, i futuri motori dovranno essere ancora più performanti con sistemi di filtraggio più efficienti installati a ridosso dello stesso motore per poter sfruttare le maggiori temperature del gas di scarico che permetteranno di ridurre le sostanze nocive e il rilasciamento della anidride carbonica (CO2) direttamente collegata al consumo di carburante.

Abbandono della teoria Downsizing

Sempre più forte sarà l’abbandono della teoria Downsizing per il ritorno a cilindrate di maggiori dimensioni con motori sempre più frazionati con passaggi degli attuali 3 e 4 cilindri ai prossimi 6 e 8 cilindri. Questa scelta permetterà recuperare divari prestazionali in termini di potenza.

In conclusione, con l’Euro 7 i sistemi del trattamento dei gas saranno più complessi per rispondere a tecniche legate alla misurazione tra cicli di test e RDE, così come le emissioni registrate a freddo. Con tutto questo stiamo assistendo a una ulteriore evoluzione della filosofia del pensiero motoristico: si passerà dal downsizing all’ibrido per ritornare al rightsizing. La tendenza è un aumento nelle cilindrate.

Come conseguenza, non si potranno rispettare le nuove normative sulle emissioni senza consumare maggiore benzina. Un controsenso alle normative sempre più stringenti, ma purtroppo a livello tecnico questo accadrà.

 

Per gestire al meglio la tua flotta di automezzi e i tuoi giri, ottimizzando i consumi e rispettando l’ambiente, contattaci per una consulenza e dimostrazione gratuita senza impegno! 

Scrivici!

Richiedi la tua dimostrazione gratuita. Lascia il tuo messaggio!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

Excel per la gestione del trasporto e logistica

Excel per la gestione del trasporto e logistica

Circa il 70% delle ditte di autotrasporto in Italia dichiara di utilizzare i fogli Excel per la gestione del trasporto e logistica. Così il programma Excel diventa il più utilizzato dalle aziende per qualsiasi scopo organizzativo come la gestione dei giri, la gestione amministrativa e la gestione del magazzino.

Fra i vantaggi principali che trovano le aziende nel suo utilizzo è che è un programma gratuito (oppure quasi) e immediato. Comunque, su questo articolo si farà un’analisi sul suo utilizzo e si parlerà di tutti i suoi vantaggi e svantaggi per non ritrovarci con brutte sorprese e problemi nella gestione degli automezzi, trasporto e logistica coi fogli Excel.

I vantaggi di gestire il trasporto con Excel

Bisogna chiarire che Excel è un ottimo strumento se si vogliono fare delle analisi semplici, che non siano di lunga durata e soprattutto per aziende di piccole dimensioni.

Fra i principali vantaggi di gestire il trasporto con Excel troviamo:

  • La sua adattabilità all’azienda, mentre questa è di piccole dimensioni e il Team riesce a parlare fra di sé. Il suo impiego è intuitivo e può diventare uno strumento di calcolo molto potente se utilizzato correttamente, impostato nella maniera giusta e con persone nel Team che siano capaci di aggiornarlo e controllarlo in continuazione.
  • Offre una grande capacità di analisi e grafici a disposizione, solo che per avere questi risultati, bisogna essere in grado di sfruttare tutte le funzionalità che Excel è in grado di offrire con un aggiornamento continuo in materia.
  • La sua grande compatibilità con qualsiasi PC che abbia la licenza Office. Anche la sua fama a livello mondiale fa la sua parte, giacché gran parte della popolazione è in grado di utilizzare le funzioni basi di Excel. Bisogna comunque sottolineare ancora una volta, che per sfruttare di altre funzionalità più complete, il Team dovrebbe accedere a corsi più avanzati e fare una formazione che richiede tempo e sforzo.

Gli svantaggi della gestione di trasporti con Excel

Uno degli svantaggi principali di una gestione aziendale del trasporto con Excel sono i grandi limiti che comporta quando l’azienda in questione vuole espandersi e avere sotto controllo svariati aspetti della sua attività quotidiana.

Fra questi principali limiti troviamo:

  • Il dover gestire dati che non sono centralizzati né aggiornati in tempo reale. Questo è un grosso svantaggio, giacché ci saranno diversi componenti del Team che metteranno la mano ai fogli e ci sarà lo spazio allo “sbaglio umano”, anche con procedure stabilite e sistemi di salvataggio “backup”. Questi problemi si incrementeranno se i membri del Team non sono sulla stessa sede e non hanno l’opportunità di interfacciarsi di continuo.
  • La mancanza di sicurezza. Questo perché Excel non permette un accesso controllato ai dati, che potrebbero andar persi o condivisi con terze parti non affidabili. Un’altra problematica avviene quando i membri della squadra non lasciano tracce del suo operato sul foglio Excel e di conseguenza diventa difficile risalire alle responsabilità all’interno del Team.
  • La presenza di continui errori e perdita di tempo per la mancanza di aggiornamenti in tempo reale, avendo una mancanza di controllo nella sua gestione che porterà come conseguenza la perdita di dati e informazioni di somma importanza.

Soprattutto, il programma Excel per la gestione aziendale del trasporto e logistica non è scalabile e non solo fa diventare difficile la definizione, la assegnazione dei task, le responsabilità e gli accessi, purtroppo anche la sua gestione si complica con il crescere dell’attività stessa.

Perciò l’utilizzo di Excel diventa consigliabile solo in aziende di trasporto di misura micro e con personale capace di sfruttare tutte le sue funzionalità. Altrimenti, ci saranno sempre problemi di gestione, che con il crescere dell’azienda, aumenteranno.

Come gestire efficientemente gli autoveicoli, il trasporto e magazzino con tutti i dati aggiornati in tempo reale e con la sicurezza di avere sotto controllo la situazione aziendale?

FastPlan è il software gestionale per il trasporto e logistica che ti permette di gestire in piena autonomia, praticità e semplicità tutte le operazioni di ogni singolo mezzo con dati precisi e aggiornati.

Con FastPlan Software riuscirai a risparmiare e avrai più utili alla fine dell’anno. Risultati misurabili e garantiti!

Richiedi la tua dimostrazione gratuita senza impegno!

 

 

Scrivici!

Comincia a gestire efficientemente i tuoi automezzi, trasporto e logistica con un software che ti garantisce patricità, dati aggiornati in tempo reale e risultati!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

Per il settore autotrasporto: 122 milioni in Investimenti 2020/2021

Per il settore autotrasporto: 122 milioni in Investimenti 2020/2021

Sulla Gazzetta Ufficiale il decreto n. 203 del 12 maggio 2020 relativo agli investimenti 2020/2021, il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti mette a favore delle imprese di autotrasporto 122,255,624 euro complessivi e potranno essere fruibili per le seguenti categorie di veicoli:

  • 46,400,000 € per veicoli a trazione alternativa (LNG, CNG, Ibrida e Full Electric);
  • 44,100,000 € per rottamazione e contestuale acquisizione di veicoli Euro 6 e veicoli commerciali leggeri;
  • 29,200,000 € mln per rimorchi e semirimorchi per trasporto combinato ferroviario e marittimo;
  • 2,400,000 € mln per casse mobili.

I massimali di contributo previsto per ciascuno degli acquisti di autoveicoli sono:

  • 20 mila euro per i veicoli a trazione alternativa (LNG) di massa superiore a 16 Ton, se si dimostra la radiazione per rottamazione di veicoli obsoleti si può usufruire di due mila euro in più;
  • 15 mila euro per ogni veicolo euro VI di massa superiore a 16 Ton.;
  • 10% del costo di acquisizione dei rimorchi e semirimorchi per il combinato per medie imprese, percentuale che sale al 20% per le piccole imprese, con un tetto di 5 mila euro per ogni rimorchio/semirimorchio; per le grandi imprese euro 1.500 per ogni rimorchio/semirimorchio;
  • 8,5 mila euro per ogni gruppo di 8 casse mobili e 1 rimorchio/semirimorchio.

Per avere maggiori informazioni su tutte le modalità, scarica direttamente il decreto qui!

FastPlan Software ti aiuta nella gestione dei tuoi automezzi, trasporto e logistica!

Vorresti approfondire su questo argomento un po’ di più? Contattaci e richiedi la tua consulenza gratuita!

 

Scrivici!

Richiedi la tua dimostrazione gratuita. Lascia il tuo messaggio!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

Utilizzo del cronotachigrafo: Novità 2020

Utilizzo del cronotachigrafo: Novità 2020

Il cronotachigrafo e la sua importanza nei veicoli commerciali

Il cronotachigrafo, detto anche tachigrafo, è un dispositivo installato obbligatoriamente sui veicoli adibiti al trasporto di merce e materiali di peso complessivo alle 3,5 tonnellate come autocarri, autotreni e autoarticolati e sui mezzi adibiti al trasporto passeggeri come autobus o autosnodati con un numero superiore di nove persone, compreso l’autista.

Il cronotachigrafo analogico o il tachigrafo digitale è obbligatorio nell’area della comunità europea secondo l’articolo 179, comma 1 del Codice della strada nei casi previsti dal Regolamento (CEE) n. 3281/85″, il quale è stato sostituito dal Regolamento (UE) 165/2014.

Il suo scopo principale è quello di monitorare e verificare gli orari di lavoro dei conducenti per assicurare la sicurezza stradale. Gli orari di lavoro massimi consentiti per i conducenti o dipendenti sono differenti a seconda che il lavoratore rientri o meno nella categoria del “lavoratore mobile”.

Le novità sull’utilizzo del tachigrafo nel 2020

Lo scorso 3 di luglio del 2020 con una circolare, il ministero dell’Interno ha fornito alcuni chiarimenti sul corretto utilizzo del tachigrafo digitale e ha inserito un nuovo obbligo nell’art. 34 del regolamento 165/2014 in cui inserisce l’obbligo di estrarre la propria carta tachigrafica in caso che il conducente si allontani dal mezzo di trasporto. Al suo ritorno dovrà inserire, tramite l’apposita procedura, tutti i periodi relativi ad altre mansioni, tempi di disponibilità, interruzioni guida e periodi di riposo.

Su questo argomento, la commissione europea ha chiarito che non ci sarà alcun obbligo per i conducenti di rimuovere la propria carta dal tachigrafo al termine del periodo di guida giornaliero, ma dovrà assicurarsi che la loro carta sia protetta e utilizzata da loro stessi e dovrà assicurarsi che quando lascia la carta nel tachigrafo, nessun’altra persona abbia l’accesso al veicolo e al tachigrafo.

Il ministero degli interni precisa che l’autista dovrà estrarre la propria carta tachigrafica soltanto quando il mezzo esce dalla sua disponibilità dovuta all’interruzione dell’attività oppure il mezzo passa a un altro conducente. Se il conducente rimane lo stesso, anche se rimane impegnato in altre mansioni, disponibilità, pausa o riposo, sarà possibile lasciare la carta inserita nel tachigrafo digitale.

 

Aggiornamenti tratti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti / Comitato Centrale dell’Albo degli Autotrasportatori.

 

Per ulteriori informazioni sulla gestione automezzi, contattaci direttamente e richiedi la tua consulenza gratuita!

Scrivici!

Richiedi la tua dimostrazione gratuita. Lascia il tuo messaggio!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

Quali strumenti utilizzare per l’ottimizzazione degli autotrasporti aziendali?

Quali strumenti utilizzare per l’ottimizzazione degli autotrasporti aziendali?

Come ottimizzare la gestione degli autotrasporti aziendali?

Per ottimizzare la gestione della flotta aziendale dobbiamo prestare particolare attenzione a:

  • Controllo e conto dei consumi.
  • Gestione e controllo della manutenzione automezzi.
  • Gestione della disponibilità degli autoveicoli e personale.
  • Sicurezza degli autisti.
  • Tracciamento e controllo di ciascuno degli automezzi.
  • Pianificazione dei giri, ritiri e consegne.
  • Monitoraggio e Gestione delle situazioni di emergenza.
  • Controllo continuo dei percorsi autostradali effettuati.
  • Tantissimi altri accorgimenti da gestire e controllare!

Quali sono gli strumenti che possono aiutarmi a gestire la mia flotta aziendale?

Ci sono un’infinità di strumenti che puoi utilizzare per gestire i tuoi automezzi, i principali sono:

  1. Sistemi di sicurezza e antifurto.
  2. Geo localizzatore GPS.
  3. Dispositivi di controllo di carburante.
  4. Dispositivi di monitoraggio di temperatura.
  5. Cronotachigrafo
  6. Controllo pressione pneumatici.

Sistemi di sicurezza antifurto

Attualmente ci sono diverse tecnologie che consentono il tracciamento delle spedizioni aziendali per prevenire i furti dei camion con un sistema di blocco che si installa direttamente sugli automezzi e viene controllato da un pc, per evitare eventualmente, tramite sensori, la manovra del conducente. Altri dispositivi possono essere impiantati sugli sportelli per avvisare quando vengono aperti fuori dai luoghi autorizzati in precedenza.

Geo localizzatore GPS

Ci sono infinità di software che ci permettono di tracciare, monitorare e controllare il movimento di tutti i veicoli aziendali grazie a un localizzatore satellitare. Strumento indispensabile per la gestione efficiente della flotta aziendale. Fra i dati che ci consente avere ci sono: la posizione esatta del mezzo di trasporto, il comportamento di guida del conducente, la velocità con cui viaggia, il tempo di sosta e i tempi di accelerazione e frenata.

Dispositivi di controllo di carburante

Ti permettono di monitorare i livelli di carburante in base ai chilometri percorsi, così come lo stile di guida dell’autista. Ci offre la possibilità di paragonare le spese richieste di carburante con i consumi effettivi reali, in questa maniera possiamo avere un controllo totale sulle spese.

Dispositivi di monitoraggio di temperatura

Ci consentono di monitorare le temperature in modo indipendente dalla refrigerazione del veicolo o dall’impianto di termo registrazione grazie a dei sensori elettronici. Questo ci permette di rispettare la sicurezza del veicolo evitando surriscaldamenti.

Cronotachigrafo

Ogni mezzo industriale e commerciale ce l’avrebbe già ormai incorporato. Serve principalmente per misurare la velocità, la distanza percorsa e i tempi di guida di ogni conducente. Il cronotachigrafo è uno strumento ormai incorporato in ogni veicolo industriale e commerciale che misura principalmente la velocità del veicolo, la distanza percorsa e i tempi utili di guida di ogni autista. Bisogna dotarsi un sistema che ci permetta il download di questi dati per riuscire a elaborare una classifica e capire le aree di opportunità nella gestione degli autoveicoli.

Controllo pressione pneumatici

Bisogna controllare in maniera costante lo stato di salute degli pneumatici. Diventa fondamentale per la sicurezza che la temperatura non superi i 90°, che la pressione delle gomme rimanga nel limite consentito e individuare eventuali danneggiamenti alla gomma che possano provocare fuoriuscite di area, diminuzione di pressione ed eventuali incidenti.

Possiamo avere un controllo grazie al sistema di monitoraggio e controllo della pressione degli pneumatici: TPMS (“Tire-pressure monitoring system).

Ma come possiamo gestire e controllare tutti questi aspetti della gestione automezzi?

Il nostro consiglio principale, oltre ad utilizzare tutti questi strumenti, è quello di affidarti ad un software di gestione automezzi, trasporto e logistica affidabile, che ti permetta avere una raccolta e analisi dei dati aggiornata e in tempo reale di ogni autoveicolo.

Grazie a questo riuscirai ad avere un controllo totale di ciascuno dei tuoi mezzi di trasporto e riuscirai ad avere diversi vantaggi come:

  • Controllo dei giri di ciascun autista con una pianificazione dei percorsi migliore che ti permetterà avere una riduzione nei consumi di carburante.
  • Riuscirai ad avere una migliore gestione del tempo nelle consegne e ritiri, riuscendo ad offrire un miglior servizio ai tuoi clienti.
  • Potrai monitorare e gestire al meglio le situazioni di emergenza.
  • Avrai una ottimizzazione a 360° dei risparmi e guadagni di ciascuno dei tuoi automezzi e ciascuno dei percorsi.
  • Potrai integrare tutti gli strumenti di gestione della flotta e migliorare le prestazioni aziendali.

In conclusione, potrai avere dei report dettagliati sulla guida, consumo e percorso di ciascuno degli automezzi che ti permetteranno di ottimizzare al massimo la redditività aziendale.

Con FastPlan Software puoi avere tutta la tua flotta aziendale sotto controllo, risparmiando e guadagnando con il tuo trasporto e logistica fin da subito.

Richiedi la tua dimostrazione gratuita!

 

Scrivici!

Richiedi la tua dimostrazione gratuita. Lascia il tuo messaggio!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

Iscriviti alla NEWSLETTER e ricevi i migliori consigli di Trasporto e Logistica!

*Registrandomi dichiaro di aver letto l'informativa relativa alla Privacy Policy e di prestare il mio consenso per ricevere informazioni promozionali e commerciali (c.d. finalità Marketing Diretto)

 

Grazie di esserti iscritto! Sarà la nostra responsabilità che tu ne rimanga soddisfatto!

Condividi!

Può essere veramente utile per qualcuno!