image
+39 035 0075083 info@fastplan.it
Decreto Milleproroghe: Scadenze autotrasporto

Decreto Milleproroghe: Scadenze autotrasporto

Nei giorni scorsi è stato pubblicato il Decreto Milleproroghe nella Gazzetta Ufficiale dove sono state introdotte alcune novità che riguardano anche il settore autotrasporto.

Su questo articolo ci concentreremmo in dettaglio per spiegare:

  1. Proroghe domande Cassa Integrazione Covid-19 e Smart working;
  2. Verifiche periodiche revisioni;
  3. Conseguimento della patente guida;
  4. Gestione dei rifiuti di imballaggio;
  5. Gestione dei rediti d’imposta, liquidazioni e comunicazioni cartelle per l’autotrasporto.

Proroghe domande Cassa Integrazione Covid-19 e Smart working

Ci sono delle proroghe anche sui termini di decadenza per l’invio delle domande per la Cassa integrazione Covid-19differiti al 31 marzo 2021 (se scaduti entro il 31 dicembre 2020); la proroga riguarda anche i termini di trasmissione dei dati necessari per il pagamento o per il saldo degli stessi trattamenti.

È stata stabilita anche la proroga dal 31 marzo 2021 al 30 aprile 2021 della possibilità̀ per i datori di lavoro di ricorrere allo smart working semplificato, anche in assenza degli accordi individuali previsti dalla normativa.

Verifiche periodiche di revisioni

In tema di revisioni, sono prorogate fino al 31 dicembre 2021 le verifiche periodiche della strumentazione metrica delle imprese di autoriparazioni e delle imprese di revisione di veicoli in scadenza fino al 31 maggio 2021.

Conseguimento della Patente Guida

Per le prove per il conseguimento patente di guida è stato stabilito che fino al 31 dicembre 2021 possono essere svolte anche da personale degli uffici della Motorizzazione in pensione. La misura è legata alla necessità di ridurre l’arretrato relativo alle prove di abilitazione causato sia dalla carenza di personale in servizio, sia dalle misure di contenimento dovute alla pandemia.

Gestione dei rifiuti di imballaggio

Viene posticipata dal 2020-2024 al 2021-2025 anche l’istituzione del gruppo di lavoro istituito presso il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare per assicurare lo svolgimento delle attività istruttorie per l’adozione dei decreti “End of Waste”. Sullo stesso tema, viene sospesa fino al 31 dicembre 2021 l’applicazione della norma sui criteri informatori dell’attività̀ di gestione dei rifiuti di imballaggio.

Gestione dei rediti d’imposta, liquidazioni e comunicazioni cartelle per l’autotrasporto

Gli atti di accertamento, di contestazione, di irrogazione delle sanzioni, di recupero dei crediti d’imposta, di liquidazione e di rettifica e liquidazione, con termini di decadenza tra l’8 marzo 2020 e il 31 dicembre 2020, sono notificati tra il 1° marzo 2021 e il 28 febbraio 2022.

Gli atti, le comunicazioni e gli inviti relati a nuove cartelle sono notificati o messi a disposizione tra il 1° marzo 2021 e il 28 febbraio 2022.

È stata decisa, inoltre, la proroga di 14 mesi dei termini di decadenza per la notificazione delle cartelle di pagamento.

E sono sospesi anche i termini dei versamenti in scadenza fra l’8 marzo 2020 e il l 28 febbraio 2021, derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione. Mentre, restano validi gli atti e i provvedimenti adottati e gli adempimenti svolti dal 1° gennaio 2021 al 15 gennaio 2021.

Ottimizzazione Automezzi, Trasporto e Logistica

Per qualsiasi domanda o consultazione su come gestire al meglio i tuoi automezzi, trasporto e logistica durante la pandemia covid-19, contattaci direttamente per una consulta e dimostrazione gratuita!

Fastplan Software è il gestionale per gli automezzi, trasporto e logistica che ti aiuta con l’organizzazione delle scadenze e l’ottimizzazione della tua attività!

Scrivici!

Richiedi la tua DIMOSTRAZIONE GRATUITA COVID-19 per sfruttare tutte le sue funzionalità SENZA IMPEGNO!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

Gazzetta UE: Pubblicato regolamento proroghe CQC, patenti e revisioni

Gazzetta UE: Pubblicato regolamento proroghe CQC, patenti e revisioni

Lo scorso 23 febbraio è stato pubblicato nella Gazzetta UE il nuovo regolamento comunitario con le proroghe dei termini di validità di CQC, patenti e revisioni legate al settore Autotrasporto.

Visto il protrarsi dell’emergenza sanitaria in corso e alle difficoltà che si presentano nello svolgimento delle pratiche amministrative del Regolamento UE 2020/698 dello scorso maggio, la Gazzetta Ufficiale ha pubblicato il regolamento che sarà applicato il 6 marzo del 2021.

Tale regolamento sarà applicato al trasporto stradale e agirà sulla formazione, sulle patenti guida, sulle revisioni dei veicoli, sulla revisione dei tachigrafi, sulle licenze comunitarie e copie conformi, così come sulle carte e attestati dei conducenti.

Anche è stato stabilito e chiarito dal regolamento che l’idoneità̀ finanziaria e requisito dello stabilimento, da dimostrare tra il 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021, si possono dimostrare entro il termine fissato dall’autorità̀ competente, comunque e  non oltre i 12 mesi.

Formazione periodica settore trasporto stradale

Ci sarà una proroga di mesi per il completamento della formazione periodica in scadenza fra il 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021.

Di conseguenza, la proroga applica al codice 95 riportato sulla patente guida, sul CQC e sulla carta di qualificazione del conducente con una scadenza che va dal 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021 (in base alla proroga stabilita dal regolamento 2020/698) è estesa di altri 6 mesi o fino al 1° luglio 2021.
Le CQC in scadenza tra il 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021 sono prorogate di 10 mesi dalla data di scadenza indicata su ciascuna di tali carte.

Patenti di guida del conducente

Tutte le patenti guida dei conducenti con scadenza tra il 1°settembre 2020 e il 30 giugno 2021 sono prorogate di 10 mesi dalla data di scadenza indicata. Per le licenze la cui proroga stabilita dal precedente regolamento (2020/698) con scadenza tra il 1°settembre 2020 e il 30 giugno 2021, ci sarà un’ulteriore estensione di 6 mesi, con la specifica di non andare oltre al 1° luglio 2021.

Revisione autoveicoli e certificati di revisione

Per quanto riguarda le revisioni degli autoveicoli e i certificati di revisione veicolari che abbiano dei controlli tecnici da effettuarsi tra il 1°settembre 2020 e il 30 giugno 2021 vale la stessa proroga di 10 mesi.

Revisione Periodica dei Tachigrafi

Ci sarà lo stesso rinvio di 10 mesi per la revisione periodica dei tachigrafi che dovranno effettuarsi tra il 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021.

Licenze comunitarie, copie conformi e attestati del conducente

Tutte le licenze comunitarie, copie conformi e attestati del conducente con scadenza tra il 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021 rimarranno valide per altri 10 mesi.

Rinnovo e sostituzione della carta del conducente

Per la richiesta del rinnovo della carta del conducente presentata tra il 1° settembre 2020 e il 30 giugno 2021, specifica che dovrà essere evasa entro 2 mesi dalla richiesta. Fino a quando il conducente non riceverà la nuova carta saranno ammesse registrazioni manuali. In quanto alla sostituzione della carta del conducente, a condizione di presentare una prova che attesti che la carta è stata restituita e che è stata richiesta la sostituzione.

Per ulteriori informazioni, FAI CLICK SU QUESTO LINK!

Per ottimizzare e organizzare al meglio la gestione dei tuoi autoveicoli, contattaci per una CONSULENZA GRATUITA!

Scrivici!

Richiedi la tua Consulenza gratuita nel settore Autotrasporto!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

Autotrasporto Euro 7: riduzione emissioni di CO2 in Europa

Autotrasporto Euro 7: riduzione emissioni di CO2 in Europa

Per il settore dell’autotrasporto sarà introdotto lo standard Euro 7 con lo scopo principale di creare una riduzione di emissioni di CO2 in Europa.

Ancora non è stata stabilita una data di entrata in vigore, ma si stima che il regolamento di introduzione della categoria Euro 7 possa essere approvato entro il 2021.

Con questi aggiornamenti ai limiti delle emissioni si pretende garantire che siano rispettati per l’intera vita del veicolo. Bruxelles ha segnalato che i regolamenti Euro 6 sono insufficienti per raggiungere gli obiettivi fissati dal Green Deal per il 2050.

Sono state avviate delle consultazioni pubbliche dalla Commissione Europea aperte alla partecipazione di tutti i portatori di interesse, dalle autorità nazionali e locali, alle aziende dell’industria automobilistica, fino alle associazioni dei consumatori e ai privati cittadini. Tali consultazioni si concluderanno il prossimo 20 novembre.

Nuovi obiettivi per ridurre le emissioni

Non ci saranno più norme e scadenze diverse pe i veicoli leggeri (come auto e furgoni) e veicoli pesanti (come camion e autobus), questo aiuterà a ridurre costi e incentiverà lo sviluppo di tecnologie a lungo termine.

Si punterà principalmente a un protocollo unitario e uniforme per tutti gli stati per evitare possibili problematiche di omologazione da un territorio all’altro e si cercherà di attuare una misurazione delle emissioni costante e continua direttamente su strada per tenere sotto controllo i valori delle sostanze nocive durante tutta la vita utile del veicolo nel reale utilizzo su strada e non semplicemente al momento del lancio sul mercato. Tutto questo sarà un’evoluzione dell’attuale metodo RDE (Real Driving Emissions).

Nuove tecnologie e costruttori automotive

Attualmente ci sono nuove tecnologie e costruttori automotive in grado di raggiungere livelli di emissioni praticamente prossime allo zero con valori riscontrabili sulle più moderne vetture diesel, benzina, metano e ibride che rispettano la più severa normativa Euro 6d.

Questi risultati sono stati ottenuti grazie a interventi precisi sui motori e sui sistemi di scarico con filtri antiparticolato più potenti, doppi catalizzatori SCR a riduzione catalitica selettiva con doppia iniezione di AdBlue (Urea), doppi sistemi EGR di alta e bassa pressione con più raffreddamento grazie a una migliore gestione e controllo dell’aria aspirata in ingresso e più controllo nell’iniezione del carburante per un ottimale processo di combustione all’interno del cilindro.

Per raggiungere i nuovi e più severi standard richiesti dall’Euro 7, i futuri motori dovranno essere ancora più performanti con sistemi di filtraggio più efficienti installati a ridosso dello stesso motore per poter sfruttare le maggiori temperature del gas di scarico che permetteranno di ridurre le sostanze nocive e il rilasciamento della anidride carbonica (CO2) direttamente collegata al consumo di carburante.

Abbandono della teoria Downsizing

Sempre più forte sarà l’abbandono della teoria Downsizing per il ritorno a cilindrate di maggiori dimensioni con motori sempre più frazionati con passaggi degli attuali 3 e 4 cilindri ai prossimi 6 e 8 cilindri. Questa scelta permetterà recuperare divari prestazionali in termini di potenza.

In conclusione, con l’Euro 7 i sistemi del trattamento dei gas saranno più complessi per rispondere a tecniche legate alla misurazione tra cicli di test e RDE, così come le emissioni registrate a freddo. Con tutto questo stiamo assistendo a una ulteriore evoluzione della filosofia del pensiero motoristico: si passerà dal downsizing all’ibrido per ritornare al rightsizing. La tendenza è un aumento nelle cilindrate.

Come conseguenza, non si potranno rispettare le nuove normative sulle emissioni senza consumare maggiore benzina. Un controsenso alle normative sempre più stringenti, ma purtroppo a livello tecnico questo accadrà.

 

Per gestire al meglio la tua flotta di automezzi e i tuoi giri, ottimizzando i consumi e rispettando l’ambiente, contattaci per una consulenza e dimostrazione gratuita senza impegno! 

Scrivici!

Richiedi la tua dimostrazione gratuita. Lascia il tuo messaggio!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

Novità Autotrasporto: Conversione DL agosto

Novità Autotrasporto: Conversione DL agosto

Importanti novità che riguardano il settore dell’autotrasporto in tema di lavoro, risorse a disposizione, incentivi, contributi e misure con la conversione del Decreto Agosto nella Legge n. 126 del 13 ottobre 2020.

Conversione DL agosto: Novità in tema di lavoro per il settore autotrasporto

Confermata proroga Cassa Integrazione fino al 31 dicembre 2020

Per quanto riguarda il lavoro, la conversione in legge ha confermato, senza modifiche l’articolo relativo alla Cassa Integrazione. I datori di lavoro che, nell’anno 2020, sospendono o riducono l’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza da Covid-19.Le aziende possono presentare domanda di concessione dei trattamenti di Cassa integrazione ordinaria, Assegno ordinario e Cassa integrazione in deroga per una durata massima di 9 settimane, che possono essere incrementate di ulteriori 9 settimane, da fruire solo a condizione che sia stato già interamente autorizzato il primo periodo di 9 settimane.
Ad ogni modo, le complessive 18 settimane devono essere collocate nel periodo ricompreso tra il 13 luglio 2020 e il 31 dicembre 2020.

Confermato l’esonero dei contributi previdenziali per le aziende che non richiedono trattamenti di cassa integrazione.

È stato confermato anche l’esonero dei contributi previdenziali sia per aziende che non richiedono trattamenti di cassa integrazione, sia nel caso di assunzioni a tempo indeterminato in favore dei datori di lavoro, che assumono lavoratori subordinati a tempo indeterminato, fino al 31 dicembre 2020.
Confermata, inoltre, la proroga fino al 31 dicembre 2020 per rinnovare o prorogare i contratti di lavoro subordinato a termine per una sola volta e per un periodo massimo di 12 mesi (nel rispetto della durata massima complessiva di 24 mesi), anche in assenza di causale e per una sola volta.

Confermata proroga del blocco dei licenziamenti e ampliamento del diritto di  Smart Working per i lavoratori.

La proroga del blocco dei licenziamenti collettivi e individuali è stata confermata per giustificato motivo oggettivo fino al 31 dicembre 2020.
È stato ribadito e ampliato il diritto allo Smart working per lavoratori con figli ed è stato previsto, in sede di conversione, per i lavoratori “fragili”, che fino al 15 ottobre 2020 il periodo di assenza dal servizio sia equiparato al ricovero ospedaliero.
È stato previsto che a decorrere dal 16 ottobre e fino al 31 dicembre 2020, i lavoratori fragili debbano svolgere di norma la prestazione lavorativa in modalità agile, anche attraverso l’adibizione a diversa mansione ricompresa nella medesima categoria o area di inquadramento, come definite dai contratti collettivi vigenti, o lo svolgimento di specifiche attività di formazione professionale anche da remoto.

Contributi, agevolazioni, dotazione sanitaria e risorse messe a disposizione per l’autotrasporto

Contributo per l’omologazione dei mezzi di trasporto merci

Sul fronte dell’autotrasporto è stato introdotto in via sperimentale un contributo per i soggetti che entro il 31 dicembre 2021 omologhino mezzi per il trasporto merci inferiori a 3,5 tonnellate a seguito di trasformazione ad alimentazione elettrica. Si tratta di un contributo del 60% del costo sostenuto per la trasformazione che può arrivare a un massimo di 3.500 euro, a cui si aggiunge un contributo del 60% delle spese relative all’imposta di bollo per l’iscrizione al pubblico registro automobilistico, all’imposta di bollo e all’imposta provinciale di trascrizione.

Confermato l’esonero contributivo con un’agevolazione pari al 30%

Confermato l’esonero contributivo previsto dal decreto-legge che prevede un’agevolazione pari al 30% dei complessivi contributi previdenziali dovuti a favore delle imprese operanti nelle regioni del Mezzogiorno, concedibile fino al 31 dicembre 2020.

Aumento della dotazione sanitaria per la sanificazione degli ambienti

Con la conversione in legge del Decreto Agosto,  vengono rafforzate le misure dirette alla sanificazione degli ambienti: la dotazione finanziaria è aumentata di 403 milioni di euro per l’anno 2020 passando così dai 200 milioni previsti dal decreto-legge Rilancio, a un totale di 603 milioni di euro.

Risorse Fondo Autotrasporto di 5 Mln di euro confermate

Sono state confermate le risorse aggiuntive al Fondo autotrasporto per 5 milioni di euro, destinate ad aumentare gli importi delle spese non documentate, ed è stato confermato l’obbligo di riversamento allo Stato delle somme rimaste in disponibilità dei consorzi e delle cooperative di autotrasporto incassate a titolo di riduzione dei pedaggi autostradali e ancora non assegnate alle imprese beneficiarie. In particolare, è stabilito che queste ultime somme siano riassegnate al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e poi destinate a iniziative deliberate dall’Albo Nazionale degli Autotrasportatori per il sostegno del settore e per la sicurezza della circolazione.

Per avere maggiori informazioni, il testo definitivo del Decreto agosto 2020 in formato pdf che è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 14 agosto si può scaricare direttamente sui seguenti link:

 

Per maggiori informazioni sulle diverse agevolazioni e novità in corso per il settore dell’autotrasporto, richiedi la tua consulenza gratuita!

FastPlan è il software che ti permette risparmiare e guadagnare con la gestione dei tuoi automezzi, trasporto e logistica, prenota la tua dimostrazione gratuita!

 

Scrivici!

Richiedi la tua dimostrazione gratuita. Lascia il tuo messaggio!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

Autotrasporto: pagamento a rate dei versamenti sospesi per COVID-19

Autotrasporto: pagamento a rate dei versamenti sospesi per COVID-19

Grazie alla Federazione di Autotrasportatori Italiani con l’associazione Provinciale di Bergamo conosciuta come FAI BERGAMO, abbiamo avuto modo di avere le istruzioni per usufruire del pagamento a rate dei versamenti sospesi per il settore autotrasporto.

Pagamento a rate dei contributi sospesi come conseguenza dell’emergenza COVID-19

Con messaggio n. 3274 del 9 Settembre del 2020, l’Inps ha dettato le istruzioni per il versamento (in unica soluzione o in quattro rate) della prima metà dei contributi sospesi in conseguenza dell’emergenza COVID-19, secondo le nuove disposizioni contenute nel cd decreto-legge di agosto (dl 104 del 14 agosto dell’anno in corso) che, ricordiamo, stabiliscono una diversa modulazione dell’adempimento rateale, come di seguito riportata:

  • per un importo pari al 50% delle somme oggetto di sospensione, in un’unica soluzione o mediante rateizzazione, fino ad un massimo di quattro rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16 settembre 2020;
  • per il restante importo, pari al rimanente 50% delle somme dovute, può essere versato mediante rateizzazione senza applicazione di sanzioni e interessi, fino ad un massimo di ventiquattro rate mensili di pari importo, con versamento della prima rata entro il 16 gennaio 2021. Con il messaggio in commento, l’Inps ha fornito le istruzioni circa il versamento a rate della prima metà, di cui la prima – come scritto – è in scadenza il 16 settembre mentre le altre quattro vanno corrisposte entro il giorno 16 di ciascun mese successivo; per il pagamento della seconda metà, l’Istituto si è riservato di fornire istruzioni specifiche.

Per Aziende con dipendenti e Committenti tenuti al versamento dei contributi alla Gestione separata

Versamento in 4 rate del 50% delle somme dovute. Il versamento delle prime quattro rate di pari importo va eseguito, utilizzando i codici F24 e le modalità riportate nel messaggio sopra richiamato. Artigiani e commercianti Destinatari (D.L. n. 23/2020, c. 1,2, 3, 4 e 5): titolari di imprese la cui forma giuridica sia ditta individuale e impresa familiare; iscritti alle gestioni in possesso dei requisiti previsti dalla norma, compresi i soci lavoratori di società (si veda Circolare Inps n. 59 del 16.5.2020).

Con diminuzione del fatturato o dei corrispettivi devono essere riferiti all’impresa per la quale sussiste l’obbligo di iscrizione alla gestione.

Versamento in 4 rate del 50% delle somme dovute con modello F24 precompilato.

È necessario utilizzare la code line visualizzabile nel Cassetto previdenziale per Artigiani e Commercianti alla sezione Posizione assicurativa – Dilazioni: “Mod. F24 Covid19”, da cui è possibile scaricare anche il relativo modello “F24” precompilato.

Per accedere a tutte le informazioni, visitate il portale INPS e per accedere direttamente al messaggio originale cliccate direttamente qui su questo link!

Vorresti risparmiare e gestire meglio le finanze della tua ditta di autotrasporti o del dipartimento del trasporto e logistica della tua azienda? Richiedi la tua CONSULENZA GRATUITA compilando il form!

Scrivici!

Richiedi la tua dimostrazione gratuita. Lascia il tuo messaggio!

Dichiarazione sulla Privacy Policy ai sensi dell'art.13 GDPR

Consenso Finalità Marketing Diretto

Iscriviti alla NEWSLETTER e ricevi i migliori consigli di Trasporto e Logistica!

*Registrandomi dichiaro di aver letto l'informativa relativa alla Privacy Policy e di prestare il mio consenso per ricevere informazioni promozionali e commerciali (c.d. finalità Marketing Diretto)

 

Grazie di esserti iscritto! Sarà la nostra responsabilità che tu ne rimanga soddisfatto!

Condividi!

Può essere veramente utile per qualcuno!